La mia foto

febbraio 2008

lun mar mer gio ven sab dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29    

Hanno scritto di Satisfiction: quotidiani

« SATISFICTION #189: IL PREMIO STREGA RIDOTTO A UN SIPARIETTO (TELEVISIVO) | Principale | SATISFICTION #191: IL DECALOGO DEL BIBLIOFILO IMPENITENTE »

Commenti

Renzo Montagnoli

Non ho letto il libro, ma se tu Gian Paolo hai inserito questo brano è perchè lo ritieni uno dei più importanti dell'opera. In questo senso è espresso bene il concetto del ribelle che, calmatosi e rientrato nei ranghi dell'omologazione, si chiede se ne è valsa la pena. Si avverte il disagio di chi sa di aver compiuto una rinuncia a qualche cosa che per lui è fondamentale.

Giovanna Giolla

.Again
Good Morning My Serino, cosa si può dire di questo stratto, ma al contempo scientifico mosaico...
Abita nella tua mente, la potente e rara dote di trasformare l'Invisibile in Visibile.
Giovanna Giolla

www.vermireligion.splinder.com

Renzo Montagnoli

Mi riferivo al compromesso; in effetti hai composto un mosaico.

Giovanna Giolla

.Again
Good Morning My Serino,
cosa si può dire di questo astratto, ma al contempo scientifico mosaico...
Abita nella tua mente, la potente e rara dote di trasformare l'Invisibile in Visibile.
Giovanna Giolla

www.vermireligion.splinder.com

Andrea

Caro Gian Paolo,
ti seguo da abbastanza tempo per poter dire che è quasi come se ti conoscessi.
Per questo mi permetto di scriverti che credo che spesso sia una grande vittoria saper perdere in un buon punto

filippo gherardi

ricorderò sempre una frase di un articolo che avevo letto proprio qui; scrivendo della tua generazione parlavi di >.
Me la sono segnata, trovandoci tanta tanta odiosa realtà.
Ora leggo questo post e sto cercando quel filo apparentemente invisibile come l'ha definito Giovanna Giolla (a proposito complimenti per il tuo libro, molto piaciuto). Il filo so che c'è, sembra triste, sembra resa ma ci sento tanta vita.
Mi piace

anna

sarò banale ma è vero che bisogna avere dentro un grande caos per fra nascere una stella danzante (nietzsche)

Barbara X

"Sei un grande, sei un dio, sei una mente incredibile, ecc.": ma quelli che scrivono qui sono tutti tuoi parenti? O li paghi un tot a panegirico? Se paghi bene, fammi sapere. Serino santo subito: ti è piaciuta come prova? Mi assumi?

Barbara X

"Sei un grande, sei un dio, sei una mente incredibile, ecc.": ma quelli che scrivono qui sono tutti tuoi parenti? O li paghi un tot a panegirico? Se paghi bene, fammi sapere. Serino santo subito: ti è piaciuta come prova? Mi assumi?

Giovanna Giolla

Quelli che scrivono qui sono tutti beyond the plot ...
Sono molto intelligenti, ma forse oltre che intelligenti, curiosi.
Non esistono menti incredibili, ma semmai pensieri incredibili, idee increbili a cui seguono azioni incredibili.
Dio meglio scriverlo maiuscolo, sempre.
Anche tu sei intelligente, non spezzi l'armonia e il dibattitto, mi piaci: Barbara X.
Sulla paga di Mr.Serino c'è da discutere, è così generoso che non ci fa pagare nulla.
Nel caso il suo onorario sarebbe altissimo.
Leggiamo e interveniamo in questo blog e lui lavora per noi, svolgendo la sua Missione.
E le Missioni come le Passioni sono senza prezzo.
Giovanna Giolla

Barbara X

Parole favolose, le tue... Mi sono messa a piangere: mi credi? Ero entrata qui oggi pomeriggio per dare un suggerimento a un'amica e non mi ero accorta di questo tuo post etereo. Non si scrive in maiuscolo ciò che si nega e si disprezza: ma non sarai una di quelli che ancora credono in dio?... Ti ringrazio infinatamente per avermi concesso la tua attenzione; sai, io sono un rifiuto umano, e perciò non riuscirò mai a farmi benvolere (si scrive così?) da serino: ma il fatto che tu mi abbia rivolta la parola, mi fa ben sperare... Grazie! Per dimostrarti tutta la mia riconoscenza, ti regalo dei versi coi quali potrai arricchire il tuo quaderno d'amore:
Oh, sì! Sul mio vetusto comodino/
Fa da tempo immemore capolino/
Lo stupendo ritratto di serino//

Io rimiro quell'imago satolla/
Parvemi di viver in una bolla/
Tutti mi chiamano Giovanna Giolla!//

(Nun fo per vantarmi, ma hai notato la finezza dell'endecasillabo?)

Giovanna Giolla

Fantastici versi...
Ti dico le cose che so di te: sei un uomo e non una donna.
Dio è un vezzo scriverlo minuscolo, e poi parlando di Serino, maiuscolo era più adatto, per conservarti un posto d'onore.
Quando scrivi nel mio blog sei molto meno ardito.
Peccato.
Non mi chiamano tutti Giovanna Giolla, sei molto poco informato.
L'ultima cosa che so è che il tuo strampalato livore nei confronti di Mr.Serino, non può che avere due o al massimo tre motivi.
Ed essendo in pubblico ritengo più elegante non elencarli.
T abraccio
Giovanna Giolla

Barbara X

Come si vede che credi in dio: hai tutta la cattiveria di chi crede in dio. Io non sono mai stata un uomo: attualmente (e da tanti anni) sono una persona transgender male-to-female. Vivo come una donna, sento come una donna, il mio corpo è (a parte un minuscolo difetto che conto di eliminare) quello di una donna. E vengo anche usata come una donna. E invece a me piacerebbe elencare certi ricordi: se non sarà qui, sarà altrove. Una curiosità: ho scritto nel tuo blog? Quando? Qual è?

I commenti per questa nota sono chiusi.