La mia foto

febbraio 2008

lun mar mer gio ven sab dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29    

Hanno scritto di Satisfiction: quotidiani

« SATISFICTION#165: SATISFICTION E RADIORAIDUE | Principale | SATISFICTION #166: LIBRI IN PORTO »

Commenti

Francesco Prisco

L'ho avuto e... sono molto curioso di leggerlo.

Davide Cassesi

Proprio su questo blog mi sono innamorato del primo libro di daniela rossi: toccante, poetico e combattivo come deve essere la letteratura e la poesia della vita. Non sapevo del nuovo romanzo: le premesse sembrano annunciare un gran bel libro (su queste pagine difficile trovarne altre).

Davide

Valeria

Caro Gian Paolo,
non mancherò. Anche io ho conosciuto qui "il ondo", libro che mi ha fatto emopzionare, piangere, sorridere. un libro che mi ha fatto riscoprire la bellezza di essere donna, di trovare quella forza che molti uomini non troveranno mai troppo asserragliati nelle complicanze del loro fare, del loro dire, del loro essere troppo impegnati ad essere impegnati.
E poi, la magia della vita, sono esattamente qui: credo che l'amore sia davvero un trascinarsi via ed invece sto pensando.
mi dispiace solo non poterci essere alla presentazione, mi sarebbe piaciuto stringere la mano, con la dolcezza che solo le donne dal fronte, sanno darsi.
Se mi legge un grazie a Daniela Rossi: iol suo libro dovrebbero adottarlo come libro di testo

Manuela Veronesi

Sono stata a Torino e, vedi il caso, me l'ero già annotata leggendo la rivista (a proposito: complimenti, me lo sono letta d'un fiato grazie anche ad una grafica che si nota è semplice ma molto molto ricercata).
Mi sono segnata 2 o 3 titoli: anche il romanzo della Postorino (con quella poesia recensione di Francesca Mazzucato) mi attira.
Grazie, qui si respira letteratura e vita.

Manuela

alessia

L'ho appena ordinato su IBS. Il mondo delle cose...mi aveva fatto sentire orgogliosa di essere donna.

Alessia Migliorini

Teo

Da frequentatore della vecchia guardia di questo blog avevo letto il primo libro. ed è forse tra i libri che ho più spacciato negli ultimi anni. è un libro che si ha un piacere particolare a regalare, perchè la letture ti avvolge ed è come se dopo averlo letto regalassi una parte di te.

Lidia

Teo: anche io ho avuto la stessa impressione. La Rossi secondo me è una poetessa. Infatti non mi aspettavo un nuovo romanzo ma una raccolta di poesie.
La recensione mi incuriosisce: mi fido di Serino e domani se ce la faccio mi prendo la copia direttamente in Feltrinelli. Così conosco l'autrice che mi ha emozionato con il suo primo libro e conosco anche serino che è da un pò che inseguo. A proposito (ma alle mail non rispondi mai?)

Lidia Mannoni

daniela rossi

Grazie di cuore a tutti,
sarò molto contenta di poter conoscere chi riuscirà ad esserci domani.
Grazie Gian Paolo!

Maria Laura S.

Complimenti per le brevi ma appassionate recensioni, complimenti per il lavoro sincero intorno alla diffusione di scrittura che tanti dovrebbero leggere, complimenti a Daniela Rossi per questo che si annuncia come un dono di poesia speciale come il precedente..

Vengo qui da poco su segnalazione di amica carissima, e prima di scrivere ho saltellato qua e là per i post.. Ci voleva un blog così.

:)

M.L.

Erica

"una lotta che graffia l’animo prendendoti per mano" è proprio quello che mi serve adesso. Non ho letto il primo ma questo secondo mi sembra un buon consiglio per leggersi e rileggersi dentro. Capita di rado: non so voi ma in questo periodo, più che gialli e gialletti, non riesco a trovare in libreria. Così torno ai classici, non fa male, anzi: è che vittima del consumo il libro nuovo mi esalta sempre molto di più.

marco enduranti

Spero di esserci in feltrinelli anche se nessuno pensa mai che la gente lavora?
E' un discorso generico ma le presentazioni alle sei del pomeriggio a chi si rivolgono? Forse la letteratura è un lusso e come tale bisogna mantenerla dietro una teca?
Mi piacerebbe che i libri fossero portati nelle piazze, nelle sere d'estate, con il vento che accarezza le parole.

francesco g.

Scusa la curiosità Gian Paolo ma Freek da quant'è che esiste e quando lo danno con il giornale?
Non ne ho mai sentito parlare e ho fatto una ricerca su internet ma non c'è nulla.

valentina

anche io l'ho ricevuto, il primo mi era piaciuto moltissimo, da quello che leggo, anche il secondo non deve essere da meno. spero di poter passare domani in feltrinelli. certo che alle 18.30 sarà un po' dura...

Lucia

Oggi ho trovato Il Merlo indiano proprio in feltrinelli di piazza piemonte. avevo letto il precedente, uno tra i più emozionanti e poetici libri che mi sia capitato di leggere pur nella mia lunga carriera di lettrice quasi professionista. Pagine di una forza delicata e dedicata che sto ritrovando anche nel secondo. Forse meno emotivco per impatto ma con passaggi, ha pienamente ragione serino, di un'intensità lirica che ho trovato soltanto in autrici stranieri e in qualche pagina del romanzo della Postorino (pur nella diversità delle visioni femminili).
Orario di presentazione anche per me impossibile, ma perchè non si pensa mai a chi lavora?

Alessandro Pergani

Non conoscevo l'autrice ma le recensioni mi hanno convinto. Avevo letto già su Satisfiction di carta e me l'ero segnato proprio insieme al libro della Postorino e altri 3 o 4 titoli.
A proposito: visto che scrivo qui per la prima volta i miei complimenti per l'idea del "soddisfatti o rimborsati".
Ci vuole coraggio, quello che manca ovunque ci si guardi intorno.
Credo che qui le parole abbiano un peso.

Alessandro Pergani (Venezia Mestre)

Barbara

Ci sono poche recensioni che mi colpiscono: queste mi hanno afondato. Ho ricopiato frasi e titoli dei libri. Adoro i libri che iniziano così: da una sensazione di familiarità con l'autore, il famoso istinto di cercare il numero di telefono sull'elenco e chiedere dove viva.
E' istinto, credo che tutti i lettori lo abbiano, chi più chi meno.
Sono di Bologna e Milano è un pò lontana anche per chi come me lavora con parole che cercano di diventare musica.

davide fent

Ciao Gian Pa :-)

"L’inchiostro diventa una carezza e la vita diventa una carenza. Un libro che è un tuffo nel cuore di ogni donna: un’educazione sentimentale di una ragazza che vuole diventare adulta in un mondo adulterato..."
l' ho già ordinato, un "vecchio" (ha ragione Culicchia a 40 anni si diventa a rischio...) poeta non può esimersi da non leggerlo... Qui sulla splendido malinconico Lago...
Baci e Abbracci :-) :-) :-)
davide

lully

prima di tutto complimenti a daniela, avevo letto il primo libro ed ero rimasta incantata. Ieri sera sono andata alla presentazione con Lella Costa sono rimasta nuovamente incantata: proprio il mondo femminile, nelle sue mille sfaccettature

Yzma

Anche l’amore, la passione, i sentimenti rischiano la polvere degli inventari: perché gli uomini incontrati dalla protagonista, negli armadi non tengono scheletri ma se stessi

:-)

Yzma

Una donna che sarebbe facile descrivere come una donna controcorrente: nel caso di questo romanzo non è possibile perché, tra le macerie morali dei luoghi che descrive, in quella provincia, la corrente non c’è

che belle queste recensioni :))

ciao Giamp, meritorio questo tuo lavoro di segnalazioni; a quando un giovane di belle speranze sul violento andante o un bildungsroman in piena s-regola?

I commenti per questa nota sono chiusi.